TECNICA, FOTORITOCCO E GRAFICA

document_appuntisparsi

Il mio workflow fotografico: BACKUPPARE SCARICARE E ORGANIZZARE LE FOTO
Il mio workflow fotografico, ovvero come passare dalla fotografia sulla scheda di memoria alla fotografia stampata. Quindi vedremo come scaricare e archiviare le foto, come elaborarle e, infine, come stamparle. In questa prima puntata vedremo come BACKUPPARE SCARICARE E ORGANIZZARE LE FOTO.



AGGIORNAMENTI

10/07/2014: i vantaggi di un archivio organizzato

24/01/2012: nuova organizzazione dell'articolo

 

COS'E' UN WORKFLOW?

Non è altro che la schematizzazione di una sequenza di step (o passi o processi) che devono essere eseguiti per il corretto svolgimento di un determinato compito.
Ad es. il workflow per la "corretta pulizia delle mani" potrebbe prevedere i seguenti passi:
1) Aprire l'acqua
2) Bagnarsi le mani
3) Versare del sapone sulle  mani
4) Strofinare le mani
5) Sciacquare le mani
6) Chiudere l'acqua
7) Asciugarsi le mani

Il workflow fotografico che vi propongo non è altro che una serie di passi che mi portano dalla foto grezza, presente sulla scheda, alla foto finita pronta per essere mandata in stampa, compresa la necessaria parte dedicata al backup dei dati.

 

BACKUPPARE SCARICARE E ORGANIZZARE LE FOTO

BACKUPPARE

Innanzitutto bisogna avere due, o più, hard disk (HD) dedicati alla fotografia e al loro backup. Il secondo HD non è altro che la copia speculare del primo. Verrà, quindi, usato come HD di backup.
Il backup è un procedimento molto delicato e importante. Importante perché credo che nessuno di noi voglia perdere il proprio materiale (pensate al dispiacere di perdere tutte le foto dei vostri ricordi degli ultimi 5 anni!!!). Delicato perché se non viene fatto per bene è meglio che non farlo affatto.

Perché fare il backup su HD e non su DVD?
Perché il DVD ha ancora troppi problemi. Qualità del supporto, qualità del masterizzatore e, purtroppo, mi è capitato spesso di prendere DVD catalogati per backup e mai usati e scoprire che....sono illeggibili!!!
L'HD costa un po' di più ma è sicuro, veloce e pratico.
Quindi , concludendo....sul primo HD si scaricano le foto e si tiene il secondo HD sincronizzato con il primo a mano o mediante software.
Il software che uso io è freeware e si chiama URANIUN BACKUP (ma di software simili e freeware se ne trovano tanti in rete).
Uranium backup lo potete scaricare liberamente e senza registrazione da qui.

Ogni volta che il PC si accende (oppure su richiesta oppure a determinati orari) URANIUM BACKUP verifica se ci sono foto nuove o modificate e provvede all'aggiornamento del secondo HD. Se vi sono foto cancellate il software non fa nulla, ovvero non cancella la corrispondente foto dal backup.

 

ORGANIZZARE

Fatto il punto sul backup delle proprie foto vediamo come conviene scaricarle e come conviene organizzarle sul pc.
Le mie foto sull'HD primario sono organizzate così:
screen_HD
Cartella principale dall'ovvio nome "Foto".
Dentro la cartella Foto, metto una cartella per ogni anno solare (2008, 2009, 2010 e così via...).
Dentro ogni cartella relativa ad un determinato anno, metto una cartella per ogni sessione fotografica indicata con anno_mese_giorno e poi una breve descrizione. E' importante scrivere la data nel formato anno_mese_giorno. Se scrivete giorno_mese_anno il sistema operativo ordinerà "male" le vostre cartelle.
Dentro ogni cartella relativa ad una sessione fotografica ci sono le foto pronte per essere stampate. E' presente inoltre la cartella ORIG con i negativi digitali, ovvero i file CR2 (nel caso di file RAW della Canon, o file NEF nel caso di file RAW della Nikon).
Un altro modo per classificare le foto è il seguente:
classificazione per categorie
 
Ovvero le foto vengono classificate per categoria e dentro la categoria classificate per date (grazie all'amico Pietro Borrelli per il suggerimento).
 
Oltre a quelli elencati, la necessità di organizzare il proprio archivio fotografico nasce dalle seguenti motivazioni.
Un archivio ben organizzato vi permette:
- di cercare agevolmente ciò che vi serve;
- di valutare i progressi fatti, con il passare del tempo i vostri lavori dovrebbero essere migliori;
- di valutare al meglio i lavori fatti, è più semplice confrontare le foto e decidere ciò che va bene da ciò che è meglio scartare;
- di valutare gli errori che fate spesso. I vostri orizzonti sono spesso pendenti? Ma anche di capire ciò che fotografate più spesso;
- di valutare quali siano le idee migliori che nel tempo potete rivedere e migliorare.
 

 

SCARICARE

Per scaricare sull'HD le foto, io non uso mai direttamente la fotocamera, ma tolgo la scheda di memoria ed utilizzo un apposito lettore di schede. Questa è di sicuro la scelta più veloce.

Inserita la scheda nel lettore avvio "ZoomBrowser EX" (il software della Canon fornito per scaricare e visualizzare le fotografie), scelgo l'opzione "Acquisisci e impostazioni fotocamera" sulla sinistra e poi la voce "Acquisisci immagini dalla scheda di memoria".
"ZoomBrowser EX" l'ho impostato per scaricare le foto nella cartella FOTO del mio HD principale e nel formato anno_mese_giorno:
ZoomBrowserEx_pref
Una volta che le foto sono state scaricate non svuoto la scheda. Questa operazione la faccio prima di usare nuovamente la scheda stessa.
In questa maniera sulla scheda ho un'altra copia delle foto fino alla successiva formattazione.
Non cancello le foto, formatto la scheda. E' meglio!

Fatto questo verifico le foto scaricate per eliminare ad. es. quelle che non vanno bene, come quelle mosse ecc.
A questo punto rinomino la cartella aggiungendo una sintetica descrizione del contenuto. Ad es. aggiungo "macro fiori" se le foto rappresentano macro fatte a fiori.
La nostra cartella sarà quindi "2008_01_16 Macro Fiori".
Quando passo all'elaborazione delle fotografie, creo prima una cartella ORIG che conterrà solo i file originari (come i CR2, o i NEF o le JPEG/TIFF). Questa è la cartella dei negativi. Nella cartella principale invece ci saranno solo le foto finite.

Quando finisco l'elaborazione delle fotografie contenute nella cartella rinomino la cartella stessa in "2008_01_16 Macro Fiori FINITE".
Sembra una procedura complessa ma una volta acquisiti e memorizzati i vari step diventa automatica e semplice. Tutte le informazioni sono di facile e veloce lettura e ricerca.

 

RIFERIMENTI

Il software per fare il backup, URANIUM, lo potete trovare qui

Il nostro sito utilizza i cookie

Usando il sito accetti implicitamente il loro uso. Per saperne di piu'

Approvo